ADI – SERVIZI DOMICILIARI TERRITORIALI

Le nostre unità d'offerta

ADI – SERVIZI DOMICILIARI TERRITORIALE

UNITA’ CURE PALLATIVE DOMICILIARI

Le nostre unità d’offerta

UCP DOM

Le cure palliative domiciliari offrono un servizio di cura, gestione del fine vita, terapia del dolore rivolto ai cittadini ed alle loro famiglie, affetti da patologie tumorale o non, in stato di terminalità conclamata, la cui aspettativa di vita non sia superiore all’anno.

Chiunque, in possesso di prescrizione medica, può richiedere l’attivazione delle cure palliative domiciliari recandosi presso la nostra sede.

TEMPI DI ATTIVAZIONE

La presa in carico per gli assistiti in UCP-DOM ha le seguenti tempistiche:

  • Colloquio di presa in carico con i famigliari (e se possibile con la persona malata) effettuato il prima possibile e/o entro 24 dalla segnalazione;
  • Prima visita entro 48 ore dal colloquio, salvo differenti esigenze espresse dalla famiglia;
  • Redazione del PAI entro 72 ore dalla prima visita.

Gli interventi sono programmati ed articolati in base ai PAI:

  • 7 giorni su 7
  • 10 ore/die da lunedì a venerdì
  • 6 ore/die il sabato e festivi

L’erogazione delle prestazioni al domicilio dell’Utente avviene di norma in fasce orarie comprese tra le 8:00 e le 18:00.

E’ garantita la pronta disponibilità medica infermieristica sulle 24 ore dal lunedì alla domenica. Il numero telefonico (3318741511) da contattare in caso di necessità/urgenza viene comunicato alla famiglia al momento dell’attivazione.

La segreteria è aperta:

  • dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 17:00, non festivi.

Coordina li servizio ed organizza le attività assistenziali il Care Manager, che collabora con il medico e l’infermiera referenti per la gestione di tutto il percorso di presa in carico.

 

IL SERVIZIO UCP DOM A DOMICILIO ATTIVAZIONE E PRESA IN CARICO:

Il paziente o il caregiver possono effettuare la segnalazione e l’accesso mediane i seguenti canali:

  • Dimissione protetta dalla Struttura di ricovero, a seguito della valutazione del medico palliativista della Struttura stessa;
  • Proposta medico specialista;
  • Proposta del Medico medicina generale;
  • Accesso diretto da parte de paziente e del caregiver;
  • Segnalazione di servizi sociali.

A seguito della segnalazione nelle modalità sopra indicate, avviene un colloquio di valutazione della stessa con i famigliari e, qualora fosse possibile, con il malato direttamente in ospedale o al domicilio dello stesso. Il colloquio ha lo scopo d’individuare il setting assistenziale più appropriato e la verifica della sussistenza dei criteri di eleggibilità definiti dalla DGR di riferimento.

L’eventuale avvio del percorso assistenziale prevede:

  • La condivisione da parte del nucleo familiare e, quando possibile, del malato, in base al livello di conoscenza e consapevolezza della diagnosi e prognosi malattia;
  • Prima visita/accesso dell’equipe al domicilio per la validazione dell’avvio del percorso e Valutazione Multidimensionale (VDM), in capo ai soggetti erogatori o al medico palliativista in grado di definire i bisogni globali della persona e della famiglia/ il livello di gravità e di progressione della malattia sulla base di criteri generali e specifici per patologia:
  • Definizione di un “Piano di assistenza individuale” (PAI), da parte del medico palliativista (referente clinico) in condivisione con l’equipe multidisciplinare e multiprofessionale, sulla base della valutazione multidimensionale;
  • Su segnalazione da parte dell’equipe, lo psicologo garantisce, in base alla lettura del bisogno, un servizio di supporto al lutto per i famigliari per un periodo limitato.

A CHI E’ RIVOLTO IL SERVIZIO

Il servizio eroga assistenza domiciliare per le cure palliative a favore di persone affette da patologie ad andamento cronico ed evolutivo ad esito infausto per le quali non esistono terapie o, se esistono, sono inadeguate o inefficaci ai fini della stabilizzazione della malattia o di un prolungamento significativo della vita.

TIPOLOGIA DI CURE ATTIVABILI:

I servizi che verranno erogati nell’ambito dell’assistenza domiciliari di cure palliative sono i seguenti:

*Assistenza infermieristica: Prevenzione e cura lesioni/piaghe da decubito, medicazioni semplici e complesse di ferite, somministrazione della nutrizione parenterale, gestione cateterismo, gestione incontinenza urinaria e fecale, controllo parametri vitali, somministrazioni terapie farmacologiche, gestione stomie, gestione PEG ed altri interventi richiesti in base alla patologia del paziente, ed inoltre, addestramento del Caregiver a tutte le tecniche infermieristiche e l’educazione sanitaria inerente al PAI.

* Prestazioni assistenziali: Cura dell’igiene personale, aiuto alla deambulazione, prevenzione delle piaghe da decubito, trasferimento letto poltrona e viceversa, prevenzione danni terziari, rilevazione temperatura, attività dirette al sostegno della persona.

* Assistenza medica con visite mediche specialistiche di Medici Palliativisti.

*Assistenza psicologica: colloqui di sostegno individuali e famigliari, supporto psicologico all’all’utente ed alla famiglia, assistenza al lutto.

* Prestazioni professionali di tipo riabilitativo, di assistenza tutelare e sostegno spirituale, e a seconda dei bisogni rilevati nel PAI, attivazione di dietista ed educatore.

 

GLI OPERATORI:

La Fondazione garantisce per l’erogazione delle prestazioni previste dalla normativa le seguenti figure professionali:

  • Responsabile Sanitario;
  • Medico palliativista (referenze clinico);
  • Care maneger;
  • Infermiere (case manager),
  • Assistente sociale;
  • Psicologo;
  • Operatori Socio Sanitari;
  • Fisioterapisti;
  • Dietista;
  • Educatore;
  • Personale amministrativo.

 

 

malati--alzheimer--miliardi-24276

 

 

SERVIZI

Si rivolge a:

– anziani non autosufficienti con 75 anni e invalidità civile 100%;

– persone con demenza;

offrendo loro ed alle loro famiglie percorsi assistenziali personalizzati gratuiti.

Attraverso i servizi sociali comunali, ed una compartecipazione economica mensile in base all’ISEE si può usufruire di prestazioni socio-sanitarie.

Si rivolge ai dipendenti e ai pensionati pubblici, ai loro coniugi, parenti o affini di primo grado non autosufficienti. Il servizio di assistenza alla persona, la cosiddetta prestazione integrativa, viene garantita attraverso l’erogazione di servizi di assistenza alla persona finalizzati all’espletamento dei bisogni del singolo. La gestione della lista d’attesa è in capo all’INPS.

Attraverso l’apertura di un voucher sanitario attivato per via telematica tramite il medico di base, a fronte dei bisogni rilevati in sede di valutazione si può usufruire gratuitamente di professionisti per prestazioni sanitarie.

Si rivolge a pazienti terminali oncologici e non ed alle loro famiglie.

Offre assistenza continuativa gratuita con percorsi personalizzati, una pronta disponibilità 24 ore su 24, la fornitura di farmaci regolamentati dalla Dgr. 5918 ed un pull di professionisti con professionalità differenti.

Offre la possibilità di avere a pagamento prestazioni di qualità, in relazione al bisogno della persona.

La Fondazione garantisce la massima serietà ed efficienza grazie all’impiego di personale formato e selezionato.

Le prestazioni offerte si rifanno a trattamenti riabilitativi; trattamenti infermieristici; trattamenti asa-oss per igiene e sostituzione caregive; dietista; educatore; psicologo; geriatra per visite specialistiche e rilascio di documentazione per accedere all’invalidità; medico algologo per valutazioni specialistiche e terapia del dolore.

Richiedi un Appuntamento